Tamponi orofaringei

CONCA DENUNCIA: “EMILIANO EDULCORA LA REALTA’, IN VENETO 500.000 TAMPONI MENTRE IN PUGLIA SOLO 85.000”

E' assolutamente falso quanto da giorni affermano Emiliano e il suo epidemiologo Lopalco ovvero che il nostro sistema sanitario è come quello veneto. E' falso perchè il sistema veneto si basa su una forte presenza della medicina territoriale e su una diminuita importanza degli ospedali come centri di cura, scelta che la Puglia non ha fatto ispirandosi invece al modello lombardo dei grandi ospedali e ad una presenza sempre più massiccia del privato nella sanità regionale. E' veramente disdicevole fare falsi paragoni allo scopo di abbagliare gli elettori. Gli interventi della sanità veneta si sono basati sulla gestione domiciliare dei pazienti attraverso le Usca ovvero le unità mobili di medici che visitano e curano gli ammalati nelle loro case. La Puglia, pochi giorni fa e a distanza di due mesi dal decreto era l'unica regione italiana a non aver attivato le unità mobili di continuità assistenziale. In Puglia non si è fatta prevenzione i tamponi somministrati sono stati solo 85.000 ed erano negati ai famigliari delle persone ammalate mentre in Veneto i tamponi somministrati sono stati 500.000 e orientati alla ricerca dei positivi e non solo destinati alle persone sintomatiche. E' deplorevole fare politica in modo falso e disonesto.

Leggere sulla stampa le dichiarazioni del presidente Emiliano nuoce gravemente alla salute. Il pluri-assessore ha avuto il coraggio di affermare che la Puglia ha fatto lo stesso numero di tamponi del Veneto in rapporto ai positivi. Probabilmente il rapporto percentuale è lo stesso, peccato però che, ad oggi, il Veneto ha già somministrato 500 mila tamponi alla ricerca dei positivi ...

Leggi Articolo »

MARIO CONCA, TAMPONI: “DAL TRIO L.E.M. (LOPALCO, EMILIANO, MONTANARO) ATTENDO ANCORA IL NUMERO DEI TAMPONATI, PROVINCIA PER PROVINCIA”

Come mai non è possibile conoscere i dati analitici e nel lungo periodo dei tamponi effettuati i Puglia, provincia per provincia? La provincia di Taranto, l'unica per cui è stato possibile ottenere ed elaborare tali dati, è stata la più virtuosa perchè ha registrato meno positivi. La sua popolazione, che tuttavia rappresenta il 14% di quella pugliese, ha avuto diritto solo il 4% del totale complessivo dei tamponi. Mario Conca denuncia mancanza di trasparenza nei bollettini epidemiologici. I tamponi eseguiti, inoltre, non corrispondono al numero delle persone: ogni persona necessita almeno di quattro tamponi e in alcuni casi anche di più.

Il sindacato U.i.l. ha elaborato, per la sola provincia di Taranto, i dati analitici del contagio da COVID-19, ma sono due settimane che sollecito invano,sia Lopalco, sia Montanaro che Emiliano per avere i dati disaggregati provincia per provincia. Il dato jonico conferma quanto pensavo, la Asl Taranto è stata più virtuosa, cioè ha registrato meno positivi, perché ha fatto solo ...

Leggi Articolo »

MARIO CONCA SCRIVE AD EMILIANO: “TAMPONI PREVENTIVI PRIMA DELLA RIAPERTURA DELLE AZIENDE. SICILIANI DOCET?”

Mario Conca chiede, dopo la diffusione di un focolaio di Coronavirus nell'azienda Siciliani di Palo del Colle, chiede che si possano effettuare tamponi preventivi prima della riapertura delle aziende il 4 maggio. Il consigliere si fa portavoce di diverse richieste che gli sono pervenute in tal senso da dipendenti di vari stabilimenti che sono preoccupati di contagiarsi e di contagiare le loro famiglie. Ad essere preoccupati sono anche gli imprenditore, non solo per il rischio di contagio ma anche per le denunce penali che potrebbero essere inoltrate a loro carico. Un operaio di un'azienda di Bari esprime a Mario Conca le proprie perplessità e chiede consiglio sul da farsi.

Buongiorno Presidente, considerato che a partire dal 4 maggio ci sarà un graduale ritorno alla normalità che porterà alla riapertura progressiva di tante attività lavorative, ritengo doveroso attivarsi in maniera preventiva per evitare focolai come quello verificatosi nello stabilimento Siciliani che ad oggi conta già 66 dipendenti Covid positivi. A questi si dovranno aggiungere, molto probabilmente, numerosi familiari e loro ...

Leggi Articolo »