Chi sono


Sono nato a Esslingen (Germania) il 3 maggio 1971, e risiedo a Gravina di Puglia. Laureato in Lingue straniere, da oltre vent’anni mi occupo di trasporto di persone su strada mediante gomma, comunicazione digitale e di organizzazione turistica (incoming ed outgoing) nazionale ed estera. Attivista del M5S dal 2012, sono stato eletto, nel 2015, consigliere regionale nella circoscrizione di Bari per la lista Movimento 5 Stelle, e sono alla prima esperienza al Consiglio regionale.

Sono componente della commissione Programmazione, Bilancio, Finanze e Tributi e della commissione Assistenza Sanitaria, Servizi Sociali.

Ecco cosa scrivevo nel 2015, nella mia dichiarazione d’intenti, quando ho deciso di partecipare alla competizione elettorale.

Ho accettato l’invito dello staff a candidarmi alle “Regionalie” perché tanti, tra amici attivisti e conoscenti, mi hanno trasferito la giusta carica e la giusta motivazione e chi mi conosce sa, che quando c’è da lottare mi sento chiamato in causa, e come succede nel mio territorio, sono sempre in prima linea. Mi sono sentito adatto al ruolo e mi sono detto: proviamoci! Dobbiamo lottare per una Puglia a 5 Stelle che vada oltre la miopia e le contraddizioni delle giunta vendoliana. Il mio percorso formativo, maturato nel tempo, a partire dalla laurea in lingue straniere, per poi passare alle professionalità ed esperienze acquisite con il lavoro in materia di trasporto pubblico, turismo, comunicazione digitale, web marketing, mobility management, mi hanno permesso di viaggiare molto e di relazionarmi con diverse culture e modi di essere e mi piacerebbe metterlo a disposizione del gruppo. Non possiamo più permettere che le nostre regioni rimandino indietro i fondi comunitari a loro assegnate per mancanza di competenza, comunicazione e progettualità, sapendo che il credit crunch sta soffocando le imprese, gli agricoltori e le start up! Mi piacerebbe poter contribuire alla realizzazione di un trasporto pubblico più efficiente, capillare e realmente rispondente alle esigenze di mobilità, un trasporto automobilistico gratuito per studenti e lavoratori sarebbe possibile ottimizzando l’attuale spesa sostenuta dalla regione. Mi impegno al rispetto del codice di comportamento e del Non Statuto e mi auguro, che prescindendo da chi di noi concorrerà alle Regionali nelle liste del movimento, ciascuno faccia la propria parte per far capire alla gente che il treno per una Puglia diversa sta passando e noi non possiamo rimanere fermi in stazione!