PERCHÈ ITALEXIT? PERCHÉ VENT’ANNI FA STAVAMO TUTTI MEGLIO.

I trattati della UE non prevedono che la BCE funga da prestatore di ultima istanza, per questo quello che la UE sta facendo con il Quantitative Easing di draghiana memoria, cosa diversa dall’italexit che vuole dire un ritorno alla Sovranità monetaria che è anche indipendenza democratica con la riunificazione del Tesoro e la banca d’italia com’era fino al 1981 e la stampa della propria moneta, è una spada di Damocle. Per fare un esempio con stati sovrani, gli Usa e il Giappone, ad oggi, hanno già varato dall’inizio dell’emergenza sanitaria oltre 4 mila miliardi di dollari e il Giappone l’equivalente in Yen di 1500 miliardi, la UE ha stanziato solo 750 miliardi con il NextGenerationEU pur avendo 110 milioni di abitanti più dell’America e 320 milioni più dei nipponici. Stiamo morendo ed è così ormai da vent’anni. Se avessero, invece, rispettato i trattati e fosse stata perseguita la realizzazione dell’unione federale, con una unione fiscale senza paradisi enclave, una Costituzione europea, un presidente dagli stati uniti d’Europa ed una BCE alla stregua della Federal Reserve, io sarei stato felice di farne parte e l’italexit non avrebbe avuto ragione d’esistere.

Uscire facendo una Brexit all’italiana è un atto di amore verso le future generazioni. Vent’anni fa stavamo tutti mediamente meglio, avevamo un salvadanaio, eravamo meno indebitati e, soprattutto, avevamo una prospettiva rosea del futuro. Oggi è esattamente il contrario, già prima del Covid-19 che ha solo appesantito il quadro. Cos’è che ci unisce tutti? L’unione europea. Di chi è la colpa, al netto del malcostume italiano che è il medesimo chd vigeva ai tempi della lira? Di questa gabbia che ha svuotato le costituzioni, scemato il lavoro qualificato, tolto potere ai parlamenti nazionali e privato della dignità di Stato molti popoli e sarà sempre peggio.

Italexit per legittima difesa!

x

Check Also

SCUOLA, LA PUGLIA, COME SEMPRE, FA SCUOLA IN NEGATIVO. VERGOGNATEVI

Michele Emiliano, noi andiamo a Scuola a intermittenza e alla faccia della tua assurda ordinanza, ...