Gravina – Una bomba carta squarcia il silenzio notturno. Delinquenza mafiosa?

Quanto successo stanotte in piazza Scacchi non è stata una bravata, questa è mafia, delinquenza vera. Una bomba carta capace di frantumare vetri a distanza e messa sotto un albero che proiettava pubblicità luminosa, oltre che consentire ai bimbi di farsi la foto sull’annessa slitta, è paragonabile a un attentato ad un’attiva commerciale. Che differenza passa tra l’accaduto gravinese e la bomba carta fatta esplodere davanti alla saracinesca del bar di Taranto qualche settimana fa? A chi dava fastidio quel piccolo business luminoso ideato da giovani che si ingegnano per non emigrare? Chiamiamo le cose con il loro nome, tentare di sminuirle ci rende complici. Spero che una piazza cosi centrale fosse schermata da telecamere pubbliche, quelle private puntano sull’uscio e sono poco utili in questo caso, alfine di consentire alle forze dell’ordine di assicurare alla giustizia i malviventi, sempre che non fossero incappucciati e a piedi, motivo in più per non declassare il fattaccio a ragazzata…Mario

x

Check Also

Conca: “Screening sierologici erga omnes”

La storia dei tamponi al personale sanitario del Policlinico, annunciati e subito dopo revocati a ...