Aveva ragione Salvemini, Aqp continua a dare più da mangiare ai genovesi che da bere ai pugliesi!

Aveva ragione Salvemini, #Aqp continua a dare più da mangiare ai genovesi che da bere ai pugliesi. Il governatore, specialista in poltrone, dopo aver bocciato un mio emendamento al bilancio di previsione 2018 per tamponare l’emergenza idrica, colpisce ancora.

Dopo le dimissioni rocambolesche e forzate del Cda della settimana scorsa in ossequio alla volontà del socio, quantomeno una forzatura amministrativa, stasera il grande Michele Emiliano ha nominato il 74enne Di Cagno Abbrescia alla Presidenza dell’Acquedotto, ha riconfermato il genovese De Sanctis che sarà certamente il direttore generale, il toscano Perfetti, un perfetto sconosciuto ai pugliesi che verrà raramente, la dimissionaria e riconfermata Fiorella, compagna del già assessore Caracciolo, e la Gallucci di area PD.

Tutto ciò per far sì che il capo di gabinetto #Stefanazzi e il suo vice #Venneri, continuino a decidere le sorti di Acqua, Energia e Rifiuti con il benestare del Presidente…alla faccia delle tasche dei pugliesi che fanno acqua da tutte le parti!!!

 

Comunicato Stampa

Nomine AqP, M5S: “Emiliano continua a “comprare” alleati a suon di poltrone. Ma con l’acqua pubblica non si scherza, daremo battaglia.”

Quando si arriva ad utilizzare un bene primario come l’acqua pubblica come merce di scambio per squallidi giochi di poltrone, si è davvero toccato il fondo quello stesso fondo già toccato da Michele Emiliano precipitato all’ultimo posto nelle classifiche di gradimento dei presidenti di Regione.

Come stupirsi? Mentre i pugliesi rimangono senz’acqua, Emiliano continua a utilizzare la Regione Puglia e l’Acquedotto Pugliese per i suoi giochi politici arrivando a nominare il suo ex acerrimo avversario politico (evidentemente di facciata) Simeone Di Cagno Abbrescia addirittura Presidente di Acquedotto Pugliese, esattamente come era stato già annunciato nell’audio della moglie dell’ex Sindaco di Bari di centrodestra su cui abbiamo chiesto un’audizione che ancora non ci è stata concessa. Lo stesso metodo della “poltrona” utilizzato dal Presidente per rabbonire il suo ex competitor di centrodestra alle elezioni regionali Francesco Schittulli a cui, invece, è toccata una nomina da consulente per la Sanità. Tanto vale che gli elettori di centrodestra e di centrosinistra se ne facciano una ragione: votare gli uni o gli altri significa votare la stessa cosa. Emiliano ha provato a comprare il silenzio anche del M5S ma in quel caso gli è andata male: siamo stati gli unici ad aver rifiutato tre assessorati perchè per noi valori come coerenza e rispetto per gli elettori contano più di qualsiasi poltrona.

Il centrosinistra ha dunque regalato un’altra poltrona al centrodestra e due membri su tre del vecchio CdA sono stati riconfermati nonostante gli scandali e le inefficienze della loro attività. Pare quasi che siano intoccabili, De Sanctis in primis che con un passato in IREN fa temere un futuro di privatizzazione. Carmela Fiorella, la compagna dell’ex assessore Caracciolo a cui si aggiunge la new entry Luca Perfetti che solo una settimana fa, da avvocato, rappresentava un’azienda in una causa contro AqP, presso il Consiglio di Stato. Tutte nomine perfettamente legittime ma sulla cui opportunità ci sarebbe da discutere a lungo.

Dal canto nostro nelle prossime settimane daremo battaglia sia in Consiglio regionale che fuori, siamo già al lavoro su una mozione per chiedere il ritiro degli atti di nomina, perché non hanno rispettato la legge regionale 24/78, che impone la richiesta di un parere preventivo alla Commissione Affari Generali prima di procedere alla nomina di un Presidente e Vice Presidente di un ente come AqP. Auspichiamo che tutte le altre forze politiche la approvino e si affrettino a passare dalle lamentele ai fatti. Con l’acqua di tutti i pugliesi non si scherza.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

x

Check Also

Strada SP 3, ex Regionale 6, una burocrazia che ti uccide!!

#Regionale 6 – È dal 2015 che me ne sto occupando, ma il caso ha ...