Gara da 20 milioni per trasporto disabili nella Asl Bari, richiesta parere ad Anac e AGCM per presunte limitazioni della concorrenza!

Gara per l’affidamento del servizio di trasporto disabili bandita dalla ASL/BA. Conca (M5S) presenta esposto ad Anac e Antitrust

 

Il consigliere del M5S Mario Conca ha presentato un esposto all’Anac e all’Antitrust per chiedere chiarezza sulla gara d’appalto dell’importo di 20 milioni di euro per l’affidamento del servizio di trasporto  disabili presso i centri riabilitativi della provincia di Bari bandita dalla Asl/BA.

 

In particolare nell’esposto il consigliere pentastellato si concentra sull’allegato “criteri di valutazione” che, tra i subcriteri, prevedevano l’assegnazione di 22 punti su 70 alle ditte che avrebbero presentato copia della carta di circolazione degli automezzi idonei al servizio, non tenendo conto invece dei mezzi ancora da immatricolare.

 

Un elemento spiega il pentastellatonon previsto tra i requisiti di partecipazione, ma che di fatto ha escluso numerose aziende che intendevano investire in funzione dell’aggiudicazione, visto che l’assenza della disponibilità dei mezzi poteva non consentire il superamento della soglia di sbarramento. Il sospetto – continua – è che si sia voluta limitare la partecipazione per favorire le aziende di noleggio con conducente che da anni effettuano il servizio. Com’è possibile che per partecipare ad una gara, un’azienda debba essere costretta a comprare i mezzi di trasporto oltre che ad avere i fatturati specifici che i corposi lotti rendono proibitivi?”

 

Nel bando, si legge nell’esposto, “mancano i dati relativi all’indirizzo degli utenti, gli orari e i giorni in cui usufruiscono del servizio o per lo meno un dato storico con il numero di utenti che usufruiscono del servizio per giorni e fascia oraria”.

 

“I dati relativi alle frequenze degli utenti – continua Conca – sono a conoscenza dell’attuale gestore e questo comporta una violazione della par condicio tra i concorrenti. Se a ciò aggiungiamo l’entrata in vigore nella Legge di stabilità 2019 dell’articolo 29 quater della legge 21 del 1992 che, tra le altre cose, limita alla sola Provincia l’operatività delle aziende di noleggio con conducente, i sospetti diventano sempre più concreti. Tanto valeva affidare direttamente i 20 milioni di euro, perché, per quanto la procedura di gara sia rispettosa del codice degli appalti e largamente condivisa con gli ambiti territoriali, il dubbio è che in realtà ci si trovi davanti a una spartizione dei cinque lotti tra i vecchi gestori.

Ecco perché l’innalzamento a 150 mila euro degli affidamenti diretti non mi impressionano. 

Vedremo!

 

SERVIZIO SU TGNORBA 

 

 

SPETT.LE
AGCM E ANAC

Procedura aperta per l’affidamento del servizio di trasporto disabili presso i centri riabilitativi della Provincia di Bari. CIG 7224868

Importo Appalto: 20.512.800,00 (Iva Esclusa)

Importo Base Asta: 12.432.000,00 (Iva Esclusa)

 

 

 

  1. Il servizio in oggetto prevede il trasporto degli utenti disabili dai propri domicili alle strutture riabilitative della ASL e viceversa per usufruire di cicli di riabilitazione  per due o tre giorni a settimana o per tutti i giorni (art. 5 comma d del Capitolato di gara).
  2. Si osserva  che l’allegato I “Criteri di valutazione” ai sub-criteri chiede:

1.1 Strategie tecnico- organizzative mirate ad ottimizzare la sicurezza del servizio e a minimizzare i tempi di attesa e permanenza degli utenti all’interno dei mezzi;

1.2.Modalità e strumenti per la predisposizione e l’ottimizzazione dei percorsi dei mezzi (piano dei trasporti);

 2.1 Numero di mezzi che saranno messi a disposizione per l’espletamento del servizio (sarà premiato il maggior numero di mezzi messi a disposizione per l’espletamento del servizio, inclusi gli automezzi sostitutivi)

Sempre nell’allegato I “Criteri di valutazione” ai sub-criteri 2.2, 2.3 e 2.4 si precisa che ai fini dell’attribuzione del punteggio saranno valutati esclusivamente gli automezzi per i quali sarà stata prodotta  copia   della relativa carta di circolazione e documentazione attestante l’effettiva disponibilità alla data di presentazione delle offerte

I sub-criteri 2.2, 2.3 e 2.4 complessivamente raggiungono 22 punti su 70 e nei chiarimenti la Stazione Appaltante ha ribadito che non saranno valutati i veicoli non ancora immatricolati.

Il disciplinare di gara prevede che “Saranno escluse le Ditte che non avranno raggiunto un punteggio complessivo, per l’elemento a), pari ad almeno 42 punti.”

Di fatto, pur afferendo tale elemento alla valutazione dell’offerta e non essendo previsto quale requisito di partecipazione, esclude numerose aziende che intendono investire in funzione dell’aggiudicazione, visto che i veicoli nuovi da immatricolare non vengono valutati e che l’assenza della disponibilità di veicoli potrebbe non consentire il superamento della soglia di sbarramento.

Risulta pertanto fortemente limitata la platea di potenziali partecipanti con una reale chance di aggiudicazione.

  1. L’Allegato A “Elenco utenti” si limita a indicare il comune di residenza dell’utente e la struttura afferente. Mancano pertanto i dati relativi all’indirizzo degli utenti, gli orari e i giorni in cui usufruiscono del servizio o per lo meno un dato storico con il numero di utenti che usufruiscono del servizio per giorni e fascia oraria. Risulta pertanto impossibile implementare un piano dei trasporti e valutare i criteri di ottimizzazione e il numero di veicoli necessari. La stazione appaltante pur sollecitata con dei quesiti da parte di alcune aziende interessate al bando di rendere disponibili dei dati completi su cui tutta la platea dei potenziali partecipanti potesse presentare la propria offerta rispondeva che “non è possibile fornire le informazioni richieste, considerato che il servizio è fisiologicamente soggetto a variazioni nel numero di pazienti e nella relativa configurazione di frequenza nel corso della giornata. Ad ogni modo i dati forniti consentono l’elaborazione dell’offerta”.

Si sottolinea che i dati relativi alle frequenze degli utenti sono a conoscenza dell’attuale gestore; il che comporta una violazione della par condicio tra i concorrenti.

  1. Quanto al primo aspetto si osserva inoltre che la mancata valutazione di veicoli non ancora immatricolati è contraria all’interesse pubblico, poiché l’Amministrazione si priva della possibilità di dotarsi di un parco veicoli nuovi. Inoltre giurisprudenza consolidata conferma che la disponibilità dei veicoli è necessaria al momento dell’assunzione e dell’esecuzione degli impegni negoziali: “Non e’, in definitiva, necessario che i mezzi siano già disponibili all’epoca della procedura, mentre e’ invece necessario che nel corso della procedura si dimostri che essi saranno disponibili al momento dell’assunzione e dell’esecuzione degli impegni negoziali. Una diversa opzione ermeneutica, la quale pretendesse l’anticipazione al momento della procedura del possesso dei mezzi, si appaleserebbe disfunzionale rispetto al principio comunitario dell’effetto utile nella misura in cui imporrebbe la dispendiosa acquisizione di dotazioni funzionali alla sola esecuzione dell’appalto prima ancora che vi sia certezza in ordine all’aggiudicazione;” (Consiglio Stato, sez. VI, 23 dicembre 2005, n. 7376) .

Sul secondo punto giova segnalare che le indicazioni essenziali per la formulazione dell’offerta devono essere fornite dalla stazione appaltante in modo chiaro, comprensibile e completo al fine di consentire alle imprese che intendono partecipare alla gara di valutare correttamente la convenienza economica della fornitura del servizio richiesto e di partecipare, alla gara, in posizione di parità rispetto agli altri concorrenti. L’evidenziata situazione di indeterminatezza in ordine alla esatta individuazione dell’entità della commessa appare ulteriormente aggravata dalle singole previsioni del disciplinare di gara – nella premessa ricordate – che danno luogo, sulla base di accadimenti del tutto eventuali e non preventivabili ex ante da parte dei concorrenti, a notevoli modifiche, sia in termini ampliativi che riduttivi, dell’entità della fornitura medesima.

Tutto ciò premesso

Si chiede

All’Autorità in indirizzo di esprimere parere in ordine alla conformità a legge della procedura in oggetto, anche con riferimento alla violazione del principio di massima partecipazione e, ove accertata la sussistenza di illegittimità, di adottare i provvedimenti consequenziali, tenuto conto che il termine di presentazione delle offerte scade il prossimo 7.1.2019.

 

Bari, lì 26 dicembre 2018

In fede

Mario Conca

Consigliere Regionale Puglia 

All4

All5

 

P.S. Al seguente link potete trovare tutte le informazioni relative alla gara in oggetto:


http://www.empulia.it/bandi/SitePages/ASLBA_db.aspx?getdettaglio=yes&bando=3495622&tipobando=Bando&RicQ=NO&VisQ=SI&tipoDoc=BANDO_GARA_PORTALE&xslt=XSLT_BANDO_GARA_PORTALE&scadenzaBando=2019-01-07T13:00:00 

x

Check Also

Altamura. Discarica in contrada Le Lamie. Conca (M5S) presenta interrogazione: “Verificare lo stato d’inquinamento del terreno”

Ad Altamura vi è una Murgia dei Fuochi da scongiurare nell’interesse dell’intero comprensorio. Sollecitato da ...